La cura

La cura

Non voglio generalizzare, non mi permetto di fare accuse, anche perché ci sono molte persone che fanno bene il loro lavoro, ma sento ugualmente il bisogno di riferirvi un fatto che oltre a farmi indignare mi spaventa anche un po'. Secondo i dati di alcune importanti riviste italiane,700000 contagi avvengono negli ospedali italiani, mezzo milione di italiani contrae infezioni in ospedale e ancora in ospedale peggiorano 320 mila pazienti l'anno e 7000 sono le vittime. Ci stiamo abituando quasi ogni giorno ad ascoltare notizie di malasanità. Ogni mese in Italia i NAS scoprono medici collusi con le case farmaceutiche, perché i primi prendono una percentuale in denaro sui farmaci prescritti, oppure ricevono regali se prescrivono un determinato farmaco e le multinazionali aumentano il loro guadagno e così anche la salute diventa un business, diventa marketing.Viaggi premio in luoghi esotici mascherati da convegni, cene con la scusa di meeting scientifici, Il farmaco é diventato un prodotto di consumo come un altro e i medici venditori. Quante volte il medico ci ha consigliato una medicina nuova? o quante volte agli anziani che seguono una cura cambiano medicine? Spesso questo succede perché  porta guadagni e intanto si possono reclutare cavie ignare per la sperimentazione. I rappresentanti delle case farmaceutiche,( perché altro non sono che rappresentanti, venditori,non inventiamoci figure professionali nuove,sono venditori e vengono chiamati informatori) quante volte ci passano davanti mentre facciamo la fila dal medico, loro hanno la precedenza; devono vendere, o convincere il medico a prescrivere un determinato farmaco e ci guadagnano se lo convincono. Nel mondo freddo e indifferente in cui viviamo, c'é ancora qualcuno che riesce a credere che questi informatori possano dare delle notizie corrette? Per non parlare poi degli interventi chirurgici inutili,altra sperimentazione sugli esseri umani anche al costo di eliminare il malato. Il poco dissenso che viene da parte dei medici viene soppresso.

In Italia in alcuni casi pagando si può ottenere tutto, quindi spesso troviamo medici incompetenti che affrontano il proprio lavoro come un commercio e dato che vendere un prodotto é fonte di guadagno, le medicine piuttosto che curare cronicizzano una malattia, portano dipendenza, curano un male e ne portano altri, così i clienti non mancheranno mai.

Un altro aspetto preoccupante é che l'industria farmaceutica ha bisogno di acquisire sempre nuovi clienti quindi bisogna inventarsi nuove patologie. La psichiatria é il settore più semplice per  reclutare persone sane e farle diventare malate e dipendenti da farmaci. In Italia, negli ultimi anni, la vendita degli psicofarmaci é aumentata del 60%.

I pazienti curati con psicofarmaci sono più facili da manipolare, sono convinti di guarire perché legati ad un medicinale che dovrebbe aiutarli ad affrontare la vita, ma in realtà porterà presto le vere malattie e magari tanti potrebbero star meglio con le medicine naturali o anche con niente, solo con l'affetto. Si minimizzano sempre gli effetti collaterali dei medicinali e invece sono pericolosissimi; é disgustoso approfittarsi e fare fatturato su chi soffre di depressione o altri mali psicologici. Ho sentito parlare della "medicazione delle emozioni" ansia, affaticamento, debolezza,c'é la pillola contro il mal di vento, lo shopping compulsivo, la timidezza, il rimorso, il senso di colpa. In realtà, questi sono tutti sintomi, sono segnali d'allarme che il nostro corpo ci lancia e andrebbero ascoltati e non anestetizzati con farmaci.

Penso sia importante pensare e non credere ciecamente a tutto quello che ci dicono, ripeto non voglio generalizzare o accusare, voglio semplicemente dire di fare attenzione.

 

Dentro me

I miei messaggi pericolosi

21.06.2013 08:05
Tempo fa, dopo aver visto un video molto interessante con testimonianze di madri americane che hanno perso i figli a causa degli psicofarmaci, decisi di condividere il filmato su facebook, in un gruppo di persone che hanno gli attacchi di panico. Mi sono permesso di farlo perchè anch'io ho...

Ieri, 25 aprile 1945

26.04.2013 05:51
Anche quest'anno é arrivato il 25 aprile, inevitabilmente il mio pensiero vola a 68 anni fa. Al di la della solita retorica, penso che questa sia una delle date veramente importanti da ricordare. Proprio ora che non ci sono quasi più testimoni dell'epoca, dobbiamo essere noi a mantenere vivo il...

Vorrei che questa strada non finisse mai

04.04.2013 17:09
Curiosando fra vecchi fogli (non butto mai via niente) ho trovato questi pensieri che scrissi ormai sette anni fa, rileggendoli sono riuscito a rivivere quel momento della mia vita, qualcosa é cambiato ma alcune cose sono rimaste esattamente come allora, quindi ho deciso di condividere queste...

Un giorno speciale

22.01.2013 00:56
Oggi, non si può dire che sia un giorno speciale! La tipica sensazione dell'influenza, della febbre, un po' mi piace. Questi brividi tipici della temperatura che sale mi danno una sensazione che non posso definire sgradevole. Sento il bisogno di coprirmi, di stare al caldo, sotto le coperte, al...

L'atmosfera natalizia

26.12.2012 21:13
 Ci risiamo, ogni volta é così, questa strana sensazione che provo nei giorni di festa, soprattutto a Natale, lascio la tv accesa per avere l'impressione che qualcosa sia vivo. Guardo attentamente un sms appena ricevuto, i classici auguri di tanta gioia e salute per l'anno nuovo. Spero che non...

Panico

27.07.2012 15:30
Inizialmente, non era proprio panico, erano sensazioni strane che provavo all'improvviso, la prima volta mi capitò in un'aula dell'università di Torino, provai un disagio difficile da descrivere, mi sembrava di avere le vertigini,debolezza, non riuscivo più a stare fermo, avevo paura di svenire....

Senso d'abitudine come arma

25.06.2012 01:01
Le persone che stanno al potere, che ci dicono quello che dobbiamo fare, hanno a disposizione un'arma molto utile, indispensabile: il senso d'abitudine, con cui possono manipolare le nostre vite a piacimento. Basta che ci convinciamo che una cosa va fatta, anche se non ci piace, possiamo...

Risorse umane inutilizzabili

10.06.2012 16:30
Le persone ormai non sono più viste come esseri viventi ma come risorse umane da sfruttare e utilizzare, da spremere il più possibile fino a quando non siano più in grado di produrre. In questo periodo si parla spesso di pensioni perché dopo una vita passata a lavorare e a fare...

Notte

11.05.2012 00:28
Il silenzio rotto ogni tanto da rumori in lontananza, un cane che abbaia o una moto che passa nella strada, rimane il suono matematico del tic tac dell'orologio, un po' di musica lenta in sottofondo, il pc acceso, quasi come se fossi sempre in attesa di una buona notizia, qualcosa che...

Attendere...prego

26.04.2012 21:59
Questo é il mio tempo,però non mi appartiene veramente. Nell'arco della vita quanti attimi riesco dedicare realmente a me stesso? Pochissimi, la maggior parte del tempo viene sprecato in cose veramente banali, ad esempio tutto quello che devo fare per sopravvivere, come andare a lavorare e fare...
<< 1 | 2 | 3 >>

Blog

Il mio tempo

09.10.2017 01:08
Oggi è stata la giornata in cui i miei genitori hanno ritirato dal giardino il tavolo con le sedie, l'amaca, i vasi, le statue, gli ombrelloni e altri oggetti che mia madre tira fuori ogni primavera. E' quasi un rito per lei, ogni anno ad aprile mette fuori tutto e ad ottobre ritira; cose che non...

Sopravvissuto ad un altro inverno

31.03.2017 01:34
Degli anni dell'adolescenza ho conservato alcuni atteggiamenti un po' ingenui. Uno di questi è quello di pensare che la primavera spazzi via tutte le cose brutte che potrebbero capitarmi. Ancora oggi, ogni anno, all'inizio di questa stagione mi sembra di stare meglio, provo la sensazione che si...

La giornata mondiale dell'ipocrisia

04.02.2017 02:36
Oggi di che cos'è la giornata mondiale? ...dell'amicizia? della memoria? della pace? del malato? contro il femminicidio? contro l'omofobia? contro la povertà? contro il lavoro minorile? contro il razzismo? contro la vivisezione? Ogni giorno abbiamo una linea guida da seguire, ogni giornata è...

Lei non sa chi sono io

02.07.2016 00:47
LEI NON SA CHI SONO IO...Non ho mai sopportato questa frase, non ho mai tollerato le gerarchie, le divisioni fra gente che conta e persone invisibili, qualcuno viene messo su un trono senza meriti particolari ma semplicemente grazie a soldi, parentele importanti o raccomandazioni; gli altri, spesso...

The first day of summer

08.06.2016 02:37
Anche quest'anno la scuola è finita, sebbene la cosa non mi riguardi più personalmente da ormai oltre vent' anni, io vivo ancora con i ritmi del calendario scolastico. Per me l'anno inizia a settembre e finisce a giugno, inizia con l'autunno e finisce con l'estate. Qualche giorno fa ho sentito la...

Il puzzle incompleto

27.03.2015 20:56
In un giorno come tanti altri può capitare di rendersi conto che nella nostra vita stiamo partecipando ad una sorta di gara con gli altri esseri umani, chiusi in una stanza per una sfida che prosegue per tutta la nostra esistenza. Il gioco consiste nel mettere nell'ordine giusto i pezzi di un...

Souriez, c'est la rentréè

01.09.2014 03:03
Lo ammetto, non ho un bel carattere, sono un tipo un po' asociale, solitario, timido, lunatico e chi mi conosce lo sa bene. Non mi piace andare in discoteca, non mi piacciono, già a partire dai nomi, gli happy hour, i fast food, le steakhou...se, i sushi bar, i kebabbari, ma neanche le cene lunghe...

Alle donne!

08.03.2014 03:06
Oggi è la festa della donna, è impossibile far finta di non saperlo, ormai la nostra vita è piena di messaggi, di parole, non ci soffermiamo più sulle cose, ma ci ricordiamo tutte le ricorrenze. Ogni cosa scorre davanti a noi, come le immagini sullo schermo, come pubblicità, siamo spettatori,...

IL MIO DISCORSO DI FINE ANNO

30.12.2013 00:55
          Anche quest'anno si parla molto del discorso di fine anno del presidente della repubblica, come se fosse un evento di vitale importanza per tutti noi. Se provo a ricordare l'ultima volta che ne ho visto uno e nemmeno fino alla fine, mi pare ci fosse ancora...

Come se fosse l'ultimo giorno

25.09.2013 05:27
Il soffitto bianco della stanza è la prima cosa che noto appena apro gli occhi, negli istanti successivi sento il cuore in gola, un'agitazione pressante che mi stringe, mi soffoca e mi impedisce di respirare, provo una grande stanchezza, come se non avessi dormito affatto. Sento un gusto amaro...
1 | 2 | 3 >>